Giulia Di Stefano

Toglietele tutto, ma non la pallavolo. Giulia Di Stefano, ventiduenne torinese del Team Fuorionda, sotto rete si sente libera e la sua grande passione la porterà dritta dritta ai Giochi Mondiali di Berlino, come Atleta della squadra femminile unificata che andrà a caccia dell’oro nel più grande evento inclusivo del pianeta.

“Stiamo vivendo quest’attesa con eccitazione – spiegano mamma Sebastiana e papà Maurizio – questo evento è una grande opportunità per nostra figlia, che nel volley ha concentrato tutte le sue energie. A questa disciplina dobbiamo tanto, perché è servita come stimolo per lei nei momenti difficili. Giulia ha iniziato ad amare la pallavolo nel gruppo sportivo scolastico e gli allenamenti l’hanno sempre spinta a uscire fuori, a vivere momenti di amicizia e di speranza quando tutto sembrava buio, soprattutto quando ha dovuto sopportare momenti di isolamento e atti di bullismo”.

A giocare un ruolo chiave nella storia sportiva di Giulia è suo fratello maggiore Raffaele: “Anche lui è un Atleta Special Olympics – spiegano i suoi genitori – e gioca a calcio da tanto tempo. È stato proprio Raffaele a spronare la sorella per entrare in un team Special Olympics. Inizialmente non è stato facile, perché le esperienze vissute nelle società sportive precedenti non erano state positive: Giulia nei momenti agonistici spesso veniva messa da parte e non riusciva a legare con le compagne di squadra. Ora, con lo sport unificato di Special Olympics, è tutta un’altra cosa. Il suo team somiglia più a una vera e propria famiglia e l’allenatrice, Cinzia, è un’altra mamma per lei. Anche per noi genitori il team Fuorionda è un punto di riferimento importante. Quando si parlava di una convocazione per Berlino, a dire il vero, il più in ansia era proprio Raffaele. Invece stavolta la lettera era destinata a Giulia. Era talmente emozionata che non sapeva cosa dire”.

Brava con palleggi e bagher, bravissima anche ai fornelli.

“Giulia ha un diploma alberghiero e si è specializzata in cucina. Da febbraio sta svolgendo uno stage come aiuto cuoca in un ristorante ed è completamente a suo agio perché avverte la fiducia di tutti e in questo modo lei riesce a esprimere le sue qualità”.

Determinata e dinamica, Giulia si è recentemente appassionata anche a un altro sport: “Ogni martedì non manca mai agli allenamenti di padel. Lo sport è il suo unico hobby. In questi mesi si è impegnata tantissimo nei vari raduni e nei Play the Games. A breve riceverà la valigia per il viaggio più importante della sua vita. E per questo non sta nella pelle”.

La famiglia Di Stefano, da venticinque anni trapiantata in Piemonte, ha però origini siciliane: “Quest’estate finalmente torneremo tutti a Siracusa per festeggiare con i parenti il ritorno di Giulia dai Giochi Mondiali. Sono anni che non abbracciamo i nostri cari, anche a causa della pandemia. Stavolta tornare insieme sarà ancor più speciale, perché tutti sono ansiosi di rivedere la nostra Atleta azzurra. A Berlino noi familiari non potremo andare per motivi di lavoro – concludono i genitori della pallavolista – ma con il cuore saremo insieme a lei, perché si goda ogni momento di questa straordinaria avventura”.

Basta una semplice donazione per aiutare i nostri atleti.

Leggi altre storie dei nostri atleti di Berlino

Marco Cicolani

“È stato molto difficile, molto duro, ammettere di avere un figlio che ha delle difficoltà. Non sai come muoverti, molte volte non ci sono di aiuto le strutture così come le stesse istituzioni, ma...

Anita Greco

Anita – racconta la mamma Elena – ha 19 anni, è nata il 27 ottobre del 2003; è l’ultima di 4 fratelli, l’unica femmina super coccolata già da piccina. A due anni ha iniziato l’attività motoria in...

Arturo Fasulo

Quest’estate ferie separate in casa Fasulo. Arturo se le è giocate a Berlino, per partecipare con la squadra di Basket unificato ai Giochi Mondiali Special Olympics. La moglie Laura e il piccolo...

Silvia Cabrini

"Non è facile mettere nero su bianco 35 anni di pianti, sorrisi, fallimenti, conquiste, dolore  e felicità". Inizia con queste esatte parole il racconto della mamma di Silvia, una donna che non si è...

Andrea Tassetti

“Andrea è al settimo cielo. Questa convocazione per i Giochi Mondiali Special Olympics lo ha galvanizzato. Lo dice a tutti, che andrà a Berlino, che giocherà a pallavolo nella squadra azzurra mista...

Martina Barba

Martina è una ragazzina simpatica e dolce. Ha un carattere forte e deciso – raccontano i genitori - e la sua grande passione è la ginnastica ritmica. Ama ballare e ascoltare musica, le piace...

Filippo Bordignon

Filippo è nato l’1 dicembre 1997 a Bassano del Grappa. "Fin dai primi giorni di gravidanza ho avuto il sentore di anomalie" racconta la mamma "ma sono stata determinata a portarla a termine". Subito...

Alessia Zucchelli

Il volano di Alessia è un sogno tricolore che lei ha imparato a tenere d’occhio e a colpire forte, per mandarlo oltre la rete e oltre ogni ostacolo, per arrivare fino a Berlino. Alessia Zucchelli,...

Alessandro Gabrielli

Corre, sbuffa, dribbla, fa una rabona. Tra tocchi leziosi e gol strepitosi, con il suo estro e la sua fantasia, Alessandro Gabrielli si prepara a vivere una delle esperienze più esaltanti della sua...

Eduardo Fornari

Eduardo nasce all’ospedale di Asola senza nessuna difficoltà il 4 luglio 1996 - raccontano i genitori -  frequenta asilo, elementari e medie a Calvisano, la professionale invece a Remedello. Già da...

Il sito verrà presto aggiornato indirizzando la campagna Adotta un Campione verso la realizzazione di un altro grande sogno azzurro: i Giochi Mondiali Invernali, Torino 2025.

Se desideri restare in contatto con noi compila il form

Questo si chiuderà in 0 secondi