Melania Chirra

Melania ha 39 anni, ha la sindrome di Down, è una persona caparbia. Ama disegnare, colorare e fare sport.

La nascita di Melania è stata per tutti una sorpresa perchè nessuno di noi si aspettava l’arrivo di una bambina con la sindrome di Down per di più focomelica all’arto superiore destro, ma quando me l’hanno messa tra le braccia è stato subito amore a prima vista – racconta la mamma.

L’infanzia di Melania è stata difficile, da piccola non tollerava i cibi liquidi, è riuscita a sedersi da sola all’età di tre anni dopo aver subito un intervento a cuore aperto per un difetto interventricolare e a 6 anni ha subito un impianto di pacemaker.
Ciò che abbiamo sempre sperato per lei e che ci stava più a cuore era che potesse raggiungere l’autonomia possibile, oggi è autonoma in molti aspetti della vita quotidiana, riesce a svolgere le sue mansioni senza l’aiuto di nessuno, o quasi. Durante la sua crescita è stata sempre supportata in particolare da sua sorella, dai familiari tutti e dalle educatrici.

Non ricordo episodi particolarmente spiacevoli legati a Melania, è stata sempre accettata  da tutti, anche dalle persone del paese in cui viviamo, sia in ambito scolastico che lavorativo. Melania ha partecipato a dei progetti lavorativi, in particolare ha lavorato in un supermercato come aiuto commesse, addetta al riordino degli scaffali, poi ha lavorato in una mensa della scuola primaria e poi ancora come addetta alle pulizie in una scuola media.

Il suo sogno è un altro però,  diventare una pasticcera, vorrebbe imparare a fare dolci

Invece in famiglia c’è stato un episodio drammatico: la morte di suo papà che risale a 4 anni fa e che ha dato dolore a tutti, in particolare a Melania che, a distanza di tempo, quando ne sente il bisogno piange e si dispera, cerca ancora il papà, ha vissuto la perdita come un abbandono.

Quando Melania ha cominciato a frequentare il Team Special Olympics Passepourtout ha provato una grande sorpresa nel constatare che relazionarsi con gli altri è semplice e che dai propri compagni c’è sempre molto da imparare. E in effetti Melania ha imparato a seguire le regole, ha imparato a fare gruppo e a conoscere più a fondo le persone. Lo sport fa bene a tutto, migliora la salute, dona agli Atleti l’opportunità di avere fiducia nelle proprie capacità, permette di conoscere tante persone nuove, in particolare altri Atleti di diverse società sportive.

Quando è arrivata la convocazione ai Giochi Mondiali di Berlino abbiamo entrambe provato un’emozione straordinaria. Abbiamo pianto di gioia insieme. “Voglio fare bella figura, divertirmi e vincere una medaglia” esclama Melania mentre la mamma afferma: “Sono certa che Melania ci metterà tutta se stessa, ho fiducia in lei comunque vadano le cose. Ringrazio per l’opportunità data a mio figlia”.

A due neo genitori che hanno appena messo al mondo un figlio con disabilità intellettive direi di non arrendersi alle difficoltà, ci saranno dei momenti bui ma anche dei momenti belli, basterà il sorriso dei loro figli per fargli aprire il cuore e trovare lì la forza necessaria per affrontare le difficoltà che la vita porrà loro di fronte.

 

Basta una semplice donazione per aiutare i nostri atleti.

Leggi altre storie dei nostri atleti di Berlino

Giovanni Rufo

Difende la sua porta dai tiri più insidiosi, dai cattivi rimbalzi, dalle deviazioni beffarde. Giovanni tende le mani verso il pallone, poi se lo stringe al petto con energia e con affetto....

Greta Arrighetti

Ciao! Mi chiamo Arrighetti Greta e sono nata a Pietra Ligure il 7 aprile del 2001 alle  ore 00,25. Pesavo 3,250 Kg ed ero lunga 52 cm. La mia famiglia è composta da mamma Tatiana, papà Gian Carlo, i...

Martina Chiaretta

Martina ha 24 anni, è una ragazza molto socievole che ama stare in compagnia ed essere circondata da amici e parenti. È testarda e molto determinata, ha la passione per la musica di ogni genere e...

Silvia Cabrini

"Non è facile mettere nero su bianco 35 anni di pianti, sorrisi, fallimenti, conquiste, dolore  e felicità". Inizia con queste esatte parole il racconto della mamma di Silvia, una donna che non si è...

Martina Confalonieri

Quando l'ha saputo, Martina, ha pianto e ha riso, insieme. Non riusciva a crederci, ai Giochi Mondiali Special Olympics di Berlino 2023, a una maglia azzurra come i suoi occhi. Schiacciata dopo...

Alessia Zucchelli

Il volano di Alessia è un sogno tricolore che lei ha imparato a tenere d’occhio e a colpire forte, per mandarlo oltre la rete e oltre ogni ostacolo, per arrivare fino a Berlino. Alessia Zucchelli,...

Karidija Kone

L’orgoglio di Karidja Kone si è colorato d’azzurro ai Giochi mondiali di Berlino. La sua passione per la palla a spicchi ha trascinato la nazionale femminile del basket 3 contro 3 verso la conquista...

Giulia Di Stefano

Toglietele tutto, ma non la pallavolo. Giulia Di Stefano, ventiduenne torinese del Team Fuorionda, sotto rete si sente libera e la sua grande passione la porterà dritta dritta ai Giochi Mondiali di...

Andrea Tassetti

“Andrea è al settimo cielo. Questa convocazione per i Giochi Mondiali Special Olympics lo ha galvanizzato. Lo dice a tutti, che andrà a Berlino, che giocherà a pallavolo nella squadra azzurra mista...

Bambi Becattini

Dalla ginnastica ritmica alla corsa, Bambi Becattini è una vera "Star". La giovanissima studentessa del Piaggia, frequenta la 1^ A del Liceo scientifico sportivo, si è classificata alle gare...