Federico Vitali

Una storia di fede. Una storia piena di vita. C’è chi, già nel nome, tiene scritto un pezzo del suo destino. Federico Vitali, 30 anni, Atleta milanese del golf che percorrerà gli sconfinati Green dei Giochi Mondiali Special Olympics, ha nella sua carta d’identità, i principi fondamentali nella costruzione della sua storia.

“Sarà che Federico l’abbiamo sempre visto dal lato delle sue potenzialità – spiegano mamma Laura e papà Alessandro – e lui ci ha sempre stupito, arrivando dove non pensavamo. Ha una determinazione incredibile e noi l’abbiamo seguito e assecondato nelle sue passioni, che oltre al movimento (sci, nuoto e, appunto, golf) riguardano la danza e la recitazione”.

Risultato? “Oggi nostro figlio è inserito in un progetto di autonomia che lo ha portato a vivere, ogni mese, almeno tre settimane in un appartamento da solo e a gestire i suoi tempi, le sue tante attività. Oggi Federico lavora tre volte la settimana in uno studio legale, svolgendo attività di segreteria, archivio, commissioni. Avere un’occupazione lo riempie d’orgoglio e lo fa sentire attivo, perché ha un obiettivo davanti: riuscire a crescere, avendo altre mansioni, altre gratificazioni”.

Dietro ogni scelta, nella vita dell’Atleta azzurro che da otto anni è protagonista sui prati del Golf Club Laghetto di Peschiera Borromeo, c’è grande consapevolezza e un principio fondamentale.

“Abbiamo sempre cercato di stimolarlo laddove erano i suoi bisogni principali. Gradualmente, con costanza, senza pressioni. Non parliamo soltanto delle terapie, della logopedia, dell’attenzione nel suo percorso scolastico. Parliamo di una continua sfida. Avendo problemi di deambulazione cercavamo per le nostre lunghe passeggiate i terreni meno piatti e comodi, perché le imperfezioni stimolano a un maggiore equilibrio. Anche il fatto di prendere confidenza con la neve l’ha aiutato (papà Alessandro è un maestro, ndr), per non parlare dei dieci anni di esperienze negli scout che gli hanno sicuramente dato una mano. Avere un obiettivo davanti lo stimola e lo fa sentire protagonista, lo aiuta a gestire la tensione e a misurarsi con tante prove. Altri esempi? I puzzle l’hanno aiutato nella capacità di concentrazione e nell’allungare i tempi di attenzione. Il pianoforte nella lettura della musica. Tutto questo lo ha reso capace di fare bene nel golf, dove è importante valutare le distanze, scegliere l’attrezzo in base al tipo di tiro, eseguire bene la tecnica dei vari movimenti”.

Da casa sua, vicino la stazione Centrale, Federico si sposta nella metropoli con grande naturalezza in ogni direzione. Presto lo farà con la sua valigia piena di sogni per volare in Germania.

“Special Olympics è arrivato grazie all’invito del suo maestro Valerio Sforza – spiegano i genitori dell’azzurro – con cui Federico ha un bellissimo rapporto. Questo Movimento gli ha consentito di sperimentare le emozioni della gara, delle trasferte, sentendosi parte di un gruppo. I Giochi Nazionali di Torino di un anno sono stati una tappa importante, dopo gli anni della pandemia. Poi, inaspettata, è arrivata la convocazione per Berlino e lì siamo davvero impazziti di gioia tutti quanti. Anche suo fratello maggiore Riccardo e sua sorella minore Caterina. Da quando nostro figlio sa che ha davanti l’obiettivo dei mondiali, ha messo ancor più concentrazione e impegno in tutto quello che fa, sapendo che lo attende un momento storico”.

Infatti, tutta la famiglia Vitali è pronta a tifare per Federico.

“Andremo a Berlino anche noi per condividere questa esperienza – concludono mamma Laura e papà Alessandro – sarà sicuramente un’occasione che arricchirà ognuno di noi”.

Ed eccolo, Federico, a cui lasciamo la chiusura dell’intervista.

“Perché amo il golf? Mi piace allenarmi all’aria aperta, in mezzo al verde. Quando faccio i miei colpi imparo ogni volta qualcosa e c’è sempre un motivo per ridere con il mio maestro. A Berlino voglio prendere una medaglia e dedicarla ai miei nonni che sono in cielo, perché anche loro amavano il golf e ci giocavano sempre”.

Basta una semplice donazione per aiutare i nostri atleti.

Leggi altre storie dei nostri atleti di Berlino

Enrica Andreozzi

Mi chiamo Enrica Andreozzi, ho 41 anni e sono diplomata alle  scuole magistrali, che ho frequentato fino al 2000; mi piacciono molto gli animali e in particolar modo i cavalli, infatti lavoro in un...

Serena Gatta

Serena nasce a Gardone Valtrompia in un piccolo ospedale della valle in provincia di Brescia il 4 maggio del 1984 in una giornata grigia e piovosa. Sin da subito si evidenzia che è una meravigliosa...

Martina Chiaretta

Martina ha 24 anni, è una ragazza molto socievole che ama stare in compagnia ed essere circondata da amici e parenti. È testarda e molto determinata, ha la passione per la musica di ogni genere e...

Giovanni Rufo

Difende la sua porta dai tiri più insidiosi, dai cattivi rimbalzi, dalle deviazioni beffarde. Giovanni tende le mani verso il pallone, poi se lo stringe al petto con energia e con affetto....

Daniele Bianco

Daniele, Dede per chi gli vuol bene, è un grande uomo di 28 anni, racconta la mamma,  è dolce e allegro, talvolta scontroso, si arrabbia quando fatica a capire o ad essere compreso, ma è anche...

Gianluigi Saulle

Gianluigi spalanca gli occhi, cerca di capire se è uno scherzo, poi sorridendo dice: “È la nostra occasione!” Pugliese, ventitré anni, Gianluigi ha appena scoperto che c’è anche il suo nome, tra i...

Silvia Cabrini

"Non è facile mettere nero su bianco 35 anni di pianti, sorrisi, fallimenti, conquiste, dolore  e felicità". Inizia con queste esatte parole il racconto della mamma di Silvia, una donna che non si è...

Francesca Sedani

I Giochi mondiali di Berlino sono un sogno preso al volo da Francesca Sedani. L’Atleta azzurra piemontese di Valdilana nel volley unificato ai Giochi Mondiali Special Olympics in Germania, ma questo...

Andrea Tassetti

“Andrea è al settimo cielo. Questa convocazione per i Giochi Mondiali Special Olympics lo ha galvanizzato. Lo dice a tutti, che andrà a Berlino, che giocherà a pallavolo nella squadra azzurra mista...

Martina Barba

Martina è una ragazzina simpatica e dolce. Ha un carattere forte e deciso – raccontano i genitori - e la sua grande passione è la ginnastica ritmica. Ama ballare e ascoltare musica, le piace...