Valentina Verra

Il racconto di mamma Lucia – “Ho 23 anni e sto aspettando il mio primo figlio, incosciente e felice come qualsiasi ragazza di quella età.
Ed ecco che finalmente in un freddo giorno di gennaio è nata Valentina. Non sono superstiziosa ma nascere di venerdì17, vorrà dire qualcosa?

Valentina oggi ha 35 anni, è stata una bambina che ha pianto tanto, non ha mai dormito una notte fino ai 3 anni, ma era bellissima.
Crescendo non volevo vedere ma, giorno dopo giorno, i sintomi si facevano sempre più inequivocabili. Valentina era un po’ in ritardo rispetto ai bimbi della sua età.

 

La scuola

I ricordo più nitidi: Primo anno di asilo, prima festa per i genitori in giardino, i bambini tutti in cerchio, a turno dicevano una frase per i genitori, arriva il momento di Valentina, la saltano…..Perche’? Chiedo alla maestra  e lei mi risponde: “Non ha voluto imparare la sua frase, sono solo capricci”.

Secondo anno di asilo decido di cambiare la scuola e qui, dopo qualche settimana, mi chiamano e mi consigliano di portarla a fare una visita da una foniatra. Da qui è partito tutto, mi è caduto addosso un macigno quando, in uno squallido ufficio, una psicologa della neuropsichiatria infantile in piedi mi legge il verdetto: “ritardo mentale medio/grave” e aggiunge “ se ne faccia una ragione non esiste una cura per sua figlia”!!!

Valentina ha frequentato tutte le scuole fino alla quinta superiore (liceo magistrale) con l’aiuto di un sostegno. Nella scuola non ha mai subito discriminazioni o situazioni di disagio, il disagio lo provavo io quando ero l’unica mamma che andava a parlare con l’insegnante di sostegno.

Ho dovuto affrontare un percorso difficile ma necessario se volevo aiutare Valentina a crescere e migliorare. Così l’ho sempre incoraggiata a svolgere tante attività insieme agli altri, ragazze e ragazzi della sua età, ma non sempre è stata capita e aiutata.

 

Il mondo fuori

Prima i boy scout : le chiedevo spesso se si trovasse bene in gruppo, mi rispondeva sempre di si, ma non la vedevo serena. Poi un giorno, dopo un campus estivo, ho visto con i miei occhi che la prendevano in giro.
Poi abbiamo tentato la via dello sport con la pallavolo ma non toccava mai a lei scendere in campo. Poi il nuoto, tutti gli altri facevano le gare lei no.

Ed ecco che mi propongono “AMICO SPORT”, Team di Special Olympics, una realtà sportiva fatta su misura per Valentina che improvvisamente diventa una protagonista.

 

Special Olympics

In questo mondo, fin da subito, Valentina ha legato con gli altri Atleti, di ogni età. Ha iniziato con ginnastica ritmica per poi provare sci nordico, bowling e per ultima pallavolo, quella stessa disciplina che in passato, in un contesto diverso, le aveva creato tanto disagio. Finalmente con Special Olympics si sente brava, capace, porta a casa con orgoglio una medaglia dopo l’altra:  d’oro, d’argento, di bronzo….. che differenza fa? Importa solo stare con gli altri e divertirsi.  Finalmente Valentina scende in campo e si sente un’Atleta, una campionessa.

Ho un ricordo bellissimo: gara di sci nordico, sono a bordo pista e sto facendo il tifo, eccola  che arriva, è quasi al traguardo, è prima ma mi vede…Si ferma e mi saluta, gli altri le passano davanti ma che importa, poi arriva anche lei e la medaglia è comunque lì che l’aspetta , applaude per i suoi compagni sul podio e si commuove per loro. Che bell’insegnamento mi ha dato!

 

I Giochi Mondiali in Russia

Ho ancora impressa la sua faccia quando la Presidente di Amico Sport ha comunicato a Valentina la sua partecipazione ai prossimi Giochi Mondiali a Kazan , è stata ferma, pietrificata, sembrava non aver ben capito, poi si è emozionata  tantissimo, era quasi incapace di parlare, sapeva solo piangere, d’altra parte è quello che ho fatto anche io. Ha guardato la sua amica Sonia anche lei convocata , si sono abbracciate.

Arrivate a casa ha voluto brindare all’evento e poi ha iniziato a chiamare al telefono un sacco di persone per comunicare la grande novità!! Ora le si legge sul viso la gioia e la grande soddisfazione per essere stata scelta.  Penso che sia difficile replicare un’emozione così grande.

 

 

Il presente ed il futuro

Ma non c’è solo lo sport, oggi  c’è  anche la vita lavorativa, Valentina lavora 2 giorni a settimana in una lavanderia industriale, si alza alle 5 del mattino prende il treno e ritorna nel pomeriggio. Tutta da sola.

Gli altri 3 giorni fa l’aiuto cuoca in un asilo nido. Quest’ultimo lavoro le piace molto di più perchè ama  i bambini. Purtroppo però non sempre le persone che incontra sono buone e a volte si approfittano della sua ingenuità. Lei non riesce sempre a capire quando le cose si possono fare e quando no. Per questo controllo le amicizie e le persone che frequenta.

Fortunatamente in Amico Sport ha trovato tante amiche con cui trascorre il tempo libero. Si è creato un bel gruppo in cui lei si sente accettata e io ho trovato dei genitori con cui condividere le ansie, le paure, ma oggi anche e soprattutto le emozioni.

In tutto questo racconto non ho mai citato il papà di Valentina, che purtroppo non ha mai compreso e accettato la disabilità di sua figlia, tanto da portarmi a camminare da sola con Valentina, sicuramente le vuole bene ma a suo modo. Fortunatamente ho incontrato una persona che è entrata a far parte della nostra famiglia, un secondo papà che accetta Valentina per quello che può dare anzi evidenziando le sue infinite capacità.

Un pensiero per il futuro : come farà Valentina senza di me? Spero che la sorella Chiara le stia vicino e l’aiuti come ho sempre fatto io, e poi guardo Valentina che mi dice : “tranquilla mamma andrà tutto bene!!”

Quel venerdi’ 17 mi ha portato veramente tanta fortuna!!

Ed è questo che vorrei comunicare ai genitori che si trovano ad affrontare un percorso così difficile;  pensare sempre che il loro figlio puo’ dare molto, e che forse è lui il “normodotato” e noi quelli che si affannano a cercare la normalità.
Non arrendetevi mai e combattete per i loro diritti e per la loro felicità.

 

Lucia Tonello

Basta una semplice donazione per aiutare i nostri atleti.

Leggi altre storie dei nostri atleti

Georg Verginer

C'è un prima e un poi nella vita di Georg Georg é nato al 15 Aprile 1980 e abita a Lajon in Alto Adige vicino Bolzano. Era un falegname, un ragazzo allegro, amava molto la musica e lo sport e ciò si...

Silvia Giraldo

Silvia nasce a Piove di Sacco il 4 luglio del 1985. Immediatamente si capisce che si tratta di una bambina con la sindrome di Down, dal taglio orientale degli occhi. Nella testa del papà Lodovico e...

Caterina Plet

Caterina ha 39 anni. È nata ad Aiello del Friuli il 18 febbraio del 1982. Ha un carattere molto allegro e gioviale – raccontano i genitori - ama molto stare in mezzo alla gente. Le piace ascoltare e...

Sonia Sechi

Sonia ha  sempre un bel sorriso, contagioso, sorride anche con gli occhi, sarà per questo che, quando la si incontra, è molto difficile non ricambiarlo. Ultima di 3 figlie avute da giovanissima –...

Federica Flumineri

Federica è nata il 25 marzo del 1987 a Torino. È una persona solare, la sua disabilità le fa un baffo - raccontano i genitori - dal momento che oggi è sempre serena e piena di vitalità. Ama la...

Luca Vergnano

Luca è nato il 30 gennaio del 1994 e dall'età di circa 6 anni ha iniziato a praticare alcuni sport, inizialmente il tennis, poi lo sci, il karate ed il nuoto, segue in tv diversi sport: il calcio,...

Lucio Ratti

Lucio è nato il 20 maggio del 1985, prematuro di 7 mesi, pesava 1800 grammi. È stato in incubatrice per 45 giorni fino a che non ha raggiunto il peso di 2.500 grammi. Noi viviamo in montagna, a...

Martina Da Siena

Martina è arrivata nella nostra famiglia alla fine del 1994; aveva appena compiuto i 4 anni. Noi non avevamo figli - raccontano i genitori -  ma, ancor prima di sposarci, avevamo pensato che, se ne...

Luca De Pieri

I De Pieri sono l’emblema di una famiglia unita che ha sempre creduto nello sport come opportunità per tutti. Papà Egidio, mamma Lucia e i figli Luca, Margherita, Stefania e Raffaello: tutti vivono...

Laurin Schedereit

«Ma signora -  mi diceva una maestra di sci – suo figlio non imparerà mai!» La mamma di Laurin racconta: Allo Sportclub mi dicevano di scegliere piuttosto il nuoto. Ma io che scio tanto volentieri ,...