Arturo Fasulo

Quest’estate ferie separate in casa Fasulo. Arturo se le è giocate a Berlino, per partecipare con la squadra di Basket unificato ai Giochi Mondiali Special Olympics. La moglie Laura e il piccolo Renato, di soli due anni, hanno tifato per lui da Vedelago (paesino a una ventina di minuti da Treviso) e hanno aspettato ogni sera la videochiamata del papà per sapere com’era andata.

“Quando Andrea, l’allenatore di Arturo che è stato con lui in Germania, gli ha comunicato della convocazione – ricorda Laura – mio marito non ha accettato subito, anche se ne era felicissimo, perché ha voluto condividere questa scelta con me. Io conosco Special Olympics e la bellezza dello sport unificato, quindi gli ho suggerito di accettare, perché certe opportunità vanno prese al volo. Così ci siamo organizzati, con tutta la famiglia, perché fortunatamente abbiamo i nonni e gli zii che ci sono vicini e ci supportano”.

“Arturo è sereno e credo che l’esperienza di Berlino gli abbia fatto bene, regalandogli tante soddisfazioni, perché, al di là del risultato ad un soffio dal podio, rappresentare l’Italia in un evento così importante ti fa sentire grande. In sua assenza il piccolo Renato è stato un po’ spaesato, ma io l’ho rassicurato sempre dicendogli che il suo papà stava facendo una cosa molto bella e importante e che sarebbe tornato presto. Purtroppo i miei turni di lavoro non ci hanno permesso di raggiungerlo in Germania, ma in qualche modo siamo riusciti farci sentire vicini a lui per tutta la durata dell’evento”.

“Arturo ama il calcio ed è un interista sfegatato – racconta sua moglie – ma qui a Treviso il basket è una religione e con la squadra unificata dei Baskettosi sono sempre state tante le opportunità di divertirsi e sentirsi parte di un gruppo. Per un breve periodo io e lui abbiamo giocato unificato nella stessa squadra ed è stato veramente emozionante giocare insieme. Magari un giorno anche nostro figlio potrà divertirsi sul parquet con la palla a spicchi. Per ora ogni volta che può, Arturo lo fa giocare a pallone con una porticina che  ha montato per lui”.

“Special Olympics regala tante occasioni per crescere – conclude Laura – Arturo è molto buono e a volte questa sua indole lo ha penalizzato. L’avventura in azzurro ha rafforzato il suo carattere anche di fronte alle sconfitte della vita, ne sono certa. Prima di partire Arturo aveva promesso a nostro figlio Renato che sarebbe tornato con una medaglia, così non è stato, almeno non fisicamente e per questo Arturo ha versato lacrime sul campo a fine partita. Forse in quel particolare momento non ricordava che, per il piccolo Renato, lui resta un Campione, un papà unico e straordinario ”.

Basta una semplice donazione per aiutare i nostri atleti.

Leggi altre storie dei nostri atleti di Berlino

Alessia Zucchelli

Il volano di Alessia è un sogno tricolore che lei ha imparato a tenere d’occhio e a colpire forte, per mandarlo oltre la rete e oltre ogni ostacolo, per arrivare fino a Berlino. Alessia Zucchelli,...

Silvia Cabrini

"Non è facile mettere nero su bianco 35 anni di pianti, sorrisi, fallimenti, conquiste, dolore  e felicità". Inizia con queste esatte parole il racconto della mamma di Silvia, una donna che non si è...

Eduardo Fornari

Eduardo nasce all’ospedale di Asola senza nessuna difficoltà il 4 luglio 1996 - raccontano i genitori -  frequenta asilo, elementari e medie a Calvisano, la professionale invece a Remedello. Già da...

Daniele Bianco

Daniele, Dede per chi gli vuol bene, è un grande uomo di 28 anni, racconta la mamma,  è dolce e allegro, talvolta scontroso, si arrabbia quando fatica a capire o ad essere compreso, ma è anche...

Giovanni Rufo

Difende la sua porta dai tiri più insidiosi, dai cattivi rimbalzi, dalle deviazioni beffarde. Giovanni tende le mani verso il pallone, poi se lo stringe al petto con energia e con affetto....

Elisa Pucci

Elisa Pucci ha 48 anni ed ha la sindrome di Down. È una donna piena di voglia di vivere. Oltre alla passione per l’equitazione, sport per il quale gareggerà ai Giochi Mondiali Special Olympics a...

Martina Barba

Martina è una ragazzina simpatica e dolce. Ha un carattere forte e deciso – raccontano i genitori - e la sua grande passione è la ginnastica ritmica. Ama ballare e ascoltare musica, le piace...

Greta Arrighetti

Ciao! Mi chiamo Arrighetti Greta e sono nata a Pietra Ligure il 7 aprile del 2001 alle  ore 00,25. Pesavo 3,250 Kg ed ero lunga 52 cm. La mia famiglia è composta da mamma Tatiana, papà Gian Carlo, i...

Leonardo Vellucci

Nel passaggio che filtra in mezzo una foresta di gambe, nel gesto che apre una possibilità di gioco, nel sorridere a prescindere dal risultato, nel ricominciare sempre dopo ogni inciampo. È il ruolo...

Luna Mastroberardino

Luna è una ragazza solare di 26 anni, che ama ballare, fare sport ma, soprattutto, avere tanti amici. Cosa c’è di strano? Apparentemente nulla, se non fosse che Luna finalmente è così solo da...

Il sito verrà presto aggiornato indirizzando la campagna Adotta un Campione verso la realizzazione di un altro grande sogno azzurro: i Giochi Mondiali Invernali, Torino 2025.

Se desideri restare in contatto con noi compila il form

Questo si chiuderà in 0 secondi