Raffaella Morgavi

Raffaella non riesce a stare ferma. Balla, salta, chiama gli applausi della gente. Raffaella ha appena vinto una medaglia d’oro che è il tesoro alla fine dell’arcobaleno di una storia bellissima. Una medaglia sui 50 metri stile libero che per la prima volta lei ha esplorato, sfidando sé stessa ai Giochi Mondiali Special Olympics di Berlino. Raffaella, romana verace, classe 1971, potrebbe essere mamma delle altre finaliste che si lasciano coinvolgere dalla sua gioia contagiosa su un podio che traballa dalla felicità.
“Raffaella ha nuotato benissimo questa finale – dice il suo tecnico Lucia Zulberti – ci ha fatto piangere perché se c’era una medaglia su cui avremmo espresso un desiderio quella è la sua. Per il percorso lungo e duro che l’ha portata fino ad oggi. Questo ci fa riflettere sui suoi ancora ampi margini di crescita, sul fatto che la fiducia, le opportunità possono far sbocciare una persone, anche se non è più giovanissima”.
Berlino è un’estasi di sensazioni per una donna che ha superato la perdita dei suoi genitori, il trasferimento in una casa famiglia, che prima di prendere l’aereo per la Germania ha dovuto vincere anche contro la positività al Covid. Adesso si guarda la medaglia d’oro, come i riflessi dei suoi colpi di sole e vorrebbe abbracciare tutto il mondo. Infatti lo fa.
“Dopo la prima vasca pensavo di essere seconda – racconta – ma ho cercato di continuare a spingere. Invece appena ho toccato il bordo mi hanno detto ‘Number one” e ho capito di averle lasciate tutte dietro. Giovanni (Rufo, portiere della squadra azzurra di futsal, ndr) me l’aveva detto stamattina in hotel che avrei vinto. Io non ci credevo ma aveva ragione lui. Allora questa medaglia gliela dedico con tutto il cuore. Non vedo l’ora di festeggiare con lui e tutti i miei amici”.
Raffaella non riesce a stare ferma e ha conquistato un altro oro nei 25 mt dorso.

Basta una semplice donazione per aiutare i nostri atleti.

Leggi altre storie dei nostri atleti di Berlino

Andrea Tassetti

“Andrea è al settimo cielo. Questa convocazione per i Giochi Mondiali Special Olympics lo ha galvanizzato. Lo dice a tutti, che andrà a Berlino, che giocherà a pallavolo nella squadra azzurra mista...

Anita Greco

Anita – racconta la mamma Elena – ha 19 anni, è nata il 27 ottobre del 2003; è l’ultima di 4 fratelli, l’unica femmina super coccolata già da piccina. A due anni ha iniziato l’attività motoria in...

Andrea Aloisio

Intervistare Andrea è come giocarci a badminton. Per ogni domanda tornano indietro parole che tracciano una traiettoria morbida, per ogni curiosità c’è un ricordo svelato che fluttua nell’aria come...

Giulio Bocchetti

Sono la mamma di Giulio Bocchetti, un ragazzo con la sindrome di Down, ha 33 anni. Giulio ha un carattere solare, socievole con tutti, tanto che a volte, al fine di renderlo più autonomo, negli anni...

Antonello Carnassale

Antonello Carnassale ha una storia che pare una sceneggiatura e la sua parabola di riscatto punta dritta ai Giochi Mondiali Special Olympics di Berlino del giugno 2023. Un colosso di un metro e...

Filippo Bordignon

Filippo è nato l’1 dicembre 1997 a Bassano del Grappa. "Fin dai primi giorni di gravidanza ho avuto il sentore di anomalie" racconta la mamma "ma sono stata determinata a portarla a termine". Subito...

Francesca Elda Marini

Tenere una palla in mano, sentirne il rimbalzo, decidere le geometrie di un’azione, difendere il proprio canestro allargando le braccia, disegnare una traiettoria che accarezzi la retina, lassù. Per...

Patrizia Podreka

Tra gli Atleti della delegazione azzurra dei Giochi Mondiali di Berlino con più storia alle spalle c’è la giocatrice di bocce triestina Patrizia Podreka, 49 anni, la metà dei quali targati Special...

Michela Sassone

Michela Sassone ha 33 anni, ha difficoltà relazionali dovute ad un’insufficienza placentare della mamma nell’ultimo mese di gravidanza, condizioni di salute sfociate in quella definita come...

Arturo Fasulo

Quest’estate ferie separate in casa Fasulo. Arturo se le è giocate a Berlino, per partecipare con la squadra di Basket unificato ai Giochi Mondiali Special Olympics. La moglie Laura e il piccolo...

Il sito verrà presto aggiornato indirizzando la campagna Adotta un Campione verso la realizzazione di un altro grande sogno azzurro: i Giochi Mondiali Invernali, Torino 2025.

Se desideri restare in contatto con noi compila il form

Questo si chiuderà in 0 secondi